Home - Batterie - I migliori Tester batteria auto

I migliori Tester batteria auto

Dopo ricerche approfondite e oltre 190 ore di test, sono stato in grado di identificare in modo indipendente i migliori 5 tester per la batteria dell’auto.

Ho letto recentemente che quasi la metà dei guasti che interessano le auto (il 40% per essere precisi) ha origine dal malfunzionamento della batteria. D’altra parte, a ben vedere, la cosa non dovrebbe stupire più di tanto: pensa a quante applicazioni ed a quanti apparecchi elettronici dipendono direttamente da questa componente!

La notizia comunque mi ha offerto lo spunto di riflessione giusto per pensare ai tester per la batteria dell’auto e per rendermi effettivamente conto dell’importanza che questi aggeggini hanno nella nostra quotidianità. Grazie ad essi infatti potrai monitorare spesso lo stato di salute della tua batteria in modo da individuare per tempo guasti e malfunzionamenti e da evitare che questi ultimi, degenerando, possano lasciarti a piedi quanto meno te lo aspetti.

Classifica migliori tester batteria auto

Offerta 1
TESMEN TM-510 Multimetro Digitale, 4000 Conta Tester Elettricista, Misurazione Smart, Autoranging, Senza Contatto, Misura Tensione AC/DC, Resistenza, Continuità – Verde
5.610 Recensioni
TESMEN TM-510 Multimetro Digitale, 4000 Conta Tester Elettricista, Misurazione Smart, Autoranging, Senza Contatto, Misura Tensione AC/DC, Resistenza, Continuità – Verde
  • 【MULTIMETRO DIGITALE SMART】 Grazie alla modalità Smart Auto, il multimetro digitale intelligente TESMEN TM-510 4000 conti consente di...
  • 【Senza contatto】Test di tensione senza contatto completamente sicuro con allarme visivo e acustico. Si tratta di una funzione sicura e che fa...
  • 【Garanzia di sicurezza】CAT II 600V, certificazione CE e RoHS. Le misure di protezione da sovraccarico sono utilizzate all'interno dello...
Offerta 2
ULTRICS Multimetro Digitale, Professionale Amperometro Voltmetro Ohmmetro, Mini Portatile Multimeter Elettrico Amp Ohm Volt DC/AC Corrente Tensione Resistenza Diode hFE Transistor Continuità Tester
  • 【MISURATORE MULTIUSO】 Multimetro digitale per uso commerciale e domestico. Questo tester funziona come voltmetro, amperometro, ohmmetro,...
  • 【PRESTAZIONI AFFIDABILI】 Questo tester digitale include cavi di prova e batteria 9 V, protezione sovraccarico, indicatore batteria scarica....
  • 【DISPLAY LCD】 Il display del multimetro digitale professionale è ben visibile da diverse angolazioni, rendendo il valore facilmente...
Offerta 3
Multimetro Digitale Tester Portatile, Aeyytoe Rilevatore di tensione di corrente AC professionale, Multi Tester Amperometro Voltmetro Ohm Tester di Tensione, 3 in 1 Multimetro Per Elettricista XL830L
  • Multimetro digitale versatile: misura con precisione corrente CA/CC, tensione CA/CC, capacità, frequenza, ciclo di lavoro, resistenza, diodi,...
  • Design accurato: il supporto per la conservazione dei dati, l'ampio schermo LCD retroilluminato, lo spegnimento automatico e il cavalletto...
  • Garantire la sicurezza: è un multi tester avanzato che garantisce un funzionamento sicuro in CAT II 600 V, progettato per essere utilizzato in...
4
Multimetro Digitale KAIWEETS Tester Portatile MINI TRMS 2000 Conta Tensione CA CC/Corrente CC/Resistenza/Continuità/Diodi, Doppio Isolamento
  • 【TESTER MULTIFUNZIONALE】 La misurazione accurata della tensione CA / CC è fino a 600 V, la corrente CC è fino a 10 A (non può per corrente...
  • 【FACILE DA TESTARE】 Commutare il puntale di prova sulla funzione necessaria (assicurarsi che il selettore rotativo si trovi nel giusto...
  • 【SICUREZZA】 Il livello di sicurezza è CAT III 600V.CE e certificato RoHS. Anti-Burn con doppi fusibili e protezione da sovraccarico per...
5
Multimetro Digitale, Tester Multimetro, Voltmetro Amperometro Ohmmetro Ad Alta Sensibilità Misura Tensione CA/CC, CorrenteCA/CC, Resistenza, Diodi, Continuità (colore arancione)
  • Sicurezza: Questo multimetro digitale garantisce misurazioni accurate di tensione CA/CC fino a 600 V, corrente CA/CC, corrente CA MAX fino a 10...
  • Ampiamente Usato: Tensione CA/CC accurata, corrente CA/CC, resistenza, test di continuità del circuito, controllo della batteria,...
  • LCD Retroilluminato: Il display del tester multimetro professionale è visibile da diverse angolazioni, rendendo il valore facilmente leggibile...
Offerta 6
AstroAI AM33D Multimetro Digitale 2000 Conteggi,Tester Elettricista, Multimetro Professionale, Voltmetro, Tester, Misuratore di Corrente DC, Tensione AC/DC, Resistenza, Continuità e Test Diodi
  • < MULTIFUNZIONE & ALTA PRECISIONE > Il multimetro digitale AstroAI AM33D 2000 conteggi ha la capacità di misurare valori di corrente CC, nonché...
  • < FUNZIONAMENTO FACILE > Il multimetro digitale AstroAI AM33D da 2000 conteggi con funzione di conservazione dei dati e un ampio display...
  • < SICUREZZA COMPLETA > Multimetro digitale AstroAI AM33D 2000 conteggi Caratteristiche Antiflusso con doppio fusibile, protezione completa da...
7
SQUADO Tester Multimetro Digitale Professione Cavi Puntali Protester Multimeter, Tester Portatile Con Cavi Puntali Protester
  • Display fluorescente a grande schermo in modo chiaro, visualizza barre analogiche e simboli di unità. Ampio display LCD di facile lettura, la...
  • piastra di schermatura in metallo con una forte capacità anti-interferenza. Ingranaggi rotanti precisi e durevoli, completamente posizionati...
  • Multimetro digitale portatile a 3 1/2 cifre, l'intero design del circuito basato su circuiti integrati su larga scala, doppio convertitore A/D...

Tester per la batteria dell’auto: sapresti individuare il migliore?

Ti dicevo che acquistare un buon tester per la batteria dell’auto e farne un uso frequente può tornarti utile più di quanto immagini. Perfetto, sappi che ciò è vero a prescindere dal tipo di veicolo che guidi abitualmente: che si tratti dell’automobile, di un camion, di un furgoncino, di un camper o quant’altro, la musica non cambia.

Per raccogliere i tuoi dati dovrai collegare i poli della batteria all’apparecchio di cui ti sto parlando. Misurerai così la tensione a riposo che, se tutto è nella norma, dovrebbe essere pari a circa 12,8 V. Se il multimetro dovesse rilevare invece parametri inferiori ai 12,3 V inizia a preoccuparti: la tua batteria è all’ahimè e dovrai ricaricarla o addirittura sostituirla quanto prima.

Provvedere in tal senso non soltanto ti eviterà qualche problemino logistico, per esempio rimanere appiedato quando già sei in ritardo per il lavoro o in quella stradina in mezzo al nulla che percorri tutti i giorni, ma ti darà modo di ripristinare la carica senza grossi problemi. Ricorda che una batteria scarica regolarmente montata sulla tua vettura infatti va incontro ad un processo di solfatazione a cui segue la creazione di una sorta di blocco interno che rende impossibile la ricarica della stessa. Nelle prossime righe ti darò notizia di alcuni tester che ho avuto modo di provare personalmente. Prima però permettimi di comunicarti ancora qualche utile informazione sull’apparecchio in sé e per sé.

Tester per la batteria dell’auto: perché dovresti acquistarlo?

Come avrai capito nel corredo di un automobilista accorto dovrebbe sempre essere presente un bel tester per la batteria dell’auto. In linea di massima ti ho già spiegato il motivo di questa mia affermazione, adesso però vorrei scendere un po’ più nel dettaglio. Inizio col dirti allora che le batterie di avviamento sono pensate per sopportare l’assorbimento generato dall’accensione del veicolo. Ad intervenire è soprattutto l’alternatore che carica la batteria permettendole di svolgere il suo lavoro. Superata questa fase, il sistema non dovrebbe avere a che fare con ulteriori scariche.

Diciamo quindi che per una batteria l’elemento di rischio è la cosiddetta corrente di spunto. Col tempo, man mano che la batteria di cui sopra invecchia e si usura, diventa sempre meno capace di cedere l’energia elettrica prodotta ai vari apparecchi che alimenta. In questi casi si dice che lo stato di carica diminuisce. Ad uno stato di carica minore corrisponde sempre una ridotta alimentazione della vettura in fase di avvio.

La corrente di spunto quindi non sarà più sufficiente a far partire l’auto e tutti i vari congegni elettronici presenti a bordo (p.es. l’autoradio). Ora: se tu decidessi di controllare con una certa frequenza il voltaggio della batteria, ti renderesti subito conto dei primi segni di debolezza e potresti quindi risolvere i problemi legati al deterioramento della stessa ancor prima che si verifichino. Perché non farlo?

Quali caratteristiche deve avere un buon tester per la batteria dell’auto?

Capire quali siano le caratteristiche che contraddistinguono un buon tester da un apparecchio poco performante è molto importante. Ti consiglio vivamente inoltre di investire qualche euro nell’acquisto di questo gingillo e, possibilmente, di non andare troppo al risparmio: eviterai grosse spese meccaniche dovute ad incuria e superficialità. Se cerchi delle informazioni utili a scegliere tra i tanti in vendita un tester che non ti faccia rimpiangere il denaro speso, prosegui nella tua lettura: ti indicherò dei criteri selettivi da tenere bene a mente all’atto dell’acquisto.

La tipologia di batteria e la compatibilità in genere

Prima cosa: verifica che tipo di batteria è stato installato sul tuo veicolo. Al giorno d’oggi infatti sono presenti sul mercato diverse varianti del prodotto. Ora: il tester migliore dovrebbe essere compatibile con tutte o, quanto meno, con la maggior parte di esse. Ciò ti permetterà di disporre di uno strumento molto versatile. Se vuoi andare al risparmio invece scegli un apparecchio che sia capace di rilevare soltanto i dati riguardanti la batteria di tuo interesse.

La facilità d’uso

Diciamoci la verità: per quanto saggio ed utile controllare lo stato di carica della batteria è anche noioso. Per questo motivo, soprattutto se vai sempre di fretta come me o se non hai molta dimestichezza con la tecnologia in genere, ti consiglio di comprare un tester di facile utilizzo, un prodotto che, tarato la prima volta, non richieda nuovi settaggi.

Le dimensioni del tester per la batteria dell’auto

Inutile dire che compatto ed ergonomico è sempre meglio. Ciò è vero soprattutto se, saggiamente, hai deciso di portare sempre con te questo gingillo: non si sa mai! Una chicca: in commercio ormai esistono apparecchi talmente compatti da poter essere facilmente trasportati persino nelle tasche dei vestiti!

La marca

In certi casi acquistare prodotti brandizzati significa comprare oggetti di qualità superiore. Ciò perché i materiali, l’aspettativa di vita dell’articolo e le scelte progettuali operate dall’azienda saranno tendenzialmente di buon livello.

Il prezzo del tester

Quanto costa un tester per la batteria dell’auto? Beh, rasserenati: potrai cavartela investendo dalle 40 alle 100 euro. Ovviamente più spenderai e più sarà probabile che il prodotto acquistato appartenga al gruppo degli strumenti diagnostici professionali.

Le caratteristiche del display

Il tester per la batteria dell’auto consta anche di un display che, preferibilmente, dovrebbe essere un LCD di grandi dimensioni e magari anche retroilluminato. Insomma: se la batteria vuole scaricarsi lo farà anche se è notte fonda o è ormai buio per strada! Inutile dire allora che tu non debba mai farti cogliere impreparato.

La cavetteria e l’ergonomia

Un consiglio: fai attenzione che i cavi del tuo tester siano adattabili a qualsiasi tipo di polo o, quanto meno, alla tua batteria. Ti suggerisco anche di scegliere una variante con maniglia ergonomica che sia confortevole al tatto. I materiali morbidi e gommati, per esempio, oltre a lasciare una piacevole sensazione sulle mani, sono tendenzialmente anti-scivolo, il che non guasta di certo.

I tester per la batteria dell’auto: tipologie a confronto

Chiaramente la funzione di un tester è essenzialmente quella di verificare lo stato di carica delle batterie. Come abbiamo visto, quando si acquista questo genere di apparecchio, c’è un fattore compatibilità da tenere sempre in considerazione. Per scegliere la giusta tipologia di tester però dovrai anche valutare la cosa secondo un’ottica diversa da quella utilizzata poco prima. Mi spiego subito.

Prima alternativa: il tester della carica

All’atto pratico potresti aver bisogno di un tester della carica o di un tester di conduttanza. Nel primo caso avresti a che fare con un apparecchio corredato da un grande resistore. La sua funzione è essenzialmente quella di individuare eventuali malfunzionamenti della batteria. Il dispositivo comunque va sempre utilizzato a batteria completamente carica.

Seconda alternativa: il tester di conduttanza

Si tratta della variante più semplice dei tester per la batteria dell’auto, di una variante pensata per rilevare il livello di tensione della corrente che alimenta la suddetta batteria. Grazie a questo apparecchio saprai sempre quando arriva il momento di ricaricare o sostituire la parte interessata.

Tester per la batteria dell’auto: ecco come lavorano

I tester per la batteria dell’auto rilevano la corrente proveniente da una qualsiasi batteria. Tu dovrai tararli su un livello di tensione che sia appena superiore rispetto a quello che dovrebbe alimentare la batteria di cui sopra. Di solito questo valore è pari a 20V. Il prodotto andrà quindi settato sulla voce “corrente continua”. A quel punto dovrai scollegare il polo negativo dalla batteria. Fatto ciò, toccherai con la punta rossa del dispositivo il polo positivo della batteria, con la punta nera quello negativo.

Quanto sono accurati i tester per la batteria dell’auto?

Abbastanza. Tu comunque sappi che una batteria ancora nuova, senza carico, avrà una tensione pari a 12,7 V circa. Quando questo valore scenderà a 12,5 o 12,4 V la situazione sarà ancora ottimale. Preoccupati però una volta arrivato alla soglia dei 12/12,3V o se addirittura scenderai al di sotto di questo livello: la batteria allora o faticherà enormemente a svolgere il suo lavoro o potrà dirsi in fin di vita anche se apparentemente in grado di funzionare.

In conclusione…

… Scegli sempre un tester di facile utilizzo, il più possibile versatile e comunque compatibile con le tue esigenze. Per quanto riguarda il prezzo poi non andare troppo al risparmio: acquistare un top di gamma potrebbe non richiedere più di 100 euro di esborso e non è quindi il caso di essere tanto parsimoniosi.